Amazon è un canale molto profittevole per i retailer, ma chi non rispetta le sue regole scoprirà che non si fa nessuna remora a sospendere l’account.

Infatti, Amazon è piena di algoritmi automatici fatti per sospendere gli account regolarmente.

Per i seller che sono stati sospesi sul marketplace, per quanto non esista un pulsante magico per reinstallare i loro account, ci sono degli step utili che i retailer possono utilizzare per far cambiare idea ad Amazon, e potenzialmente riprendersi il proprio account.

 

1-    Investiga i motivi della sospensione

Amazon ti informerà sulla causa della tua sospensione, ma potrebbe non essere sempre molto chiaro in che modo hai violato le policy. Controlla in anticipo il tuo Seller Central per identificare qualunque area che Amazon può aver flaggato.

Ecco i motivi più comuni.

Bassa performance

 Amazon è molto ristretta nelle sue metriche di seller performance. Se hai un punteggio di recensioni basso, hai cancellato troppi ordini, o non hai spedito in tempo, è facile che ti sospendano l’accounto.

Assicurati che i tuoi goal di performance tocchino o superino i minimi di Amazon:

  • Order defect rate: < 1%
  • Pre-fulfilment cancel rate: < 2.5%
  • Late shipment rate: < 4%

Violazione policy di seller

Idealmente, i seller Amazon dovrebbero comprendere profondamente i requisiti prima di entrare nel programma, e gestire regolarmente le informazioni prodotto per assicurarsi di incontrare questi requisiti.

Dovresti regolarmente:

-       Controllare le informazioni prodotto per assicurarti che incontrino le policy di Amazon

-       Familiarizzare con le policy e gli accordi di Amazon

-       Seguire le novità di Amazon per assicurarsi che non sia cambiato nulla

Vendere/Mostrare prodotti non permessi

 Amazon ha delle regole strette per una ragione, che è mantenere alta la qualità dei prodotti. I prodotti “proibiti” sono identificati per assicurarsi che i clienti non vedano prodotti che non siano allineati con le policy.

Inoltre è cruciale che ti assicuri preventivamente di non riportare prodotti non permessi nelle tue informazioni prodotto. Sì, Amazon arriva fino a quel punto per evitare le violazioni.

È dunque cruciale stare costantemente in controllo del proprio account per notare velocemente eventuali notifiche e contattare il supporto Amazon il prima possibile.

 

2-    Richiama la sospensione

Amazon incoraggia i seller a richiamare una sospensione, cosa che può essere fatta tramite Seller Central.

Prima di farlo però preparati.

Cosa ti serve per richiamare una sospensione

-       Piano di recupero che denota come il tuo store indirizzerà il problema identificato da Amazon.

-       Chiari e tangibili mosse che tu o il tuo store effettuerete, e come queste faranno in modo che gli stessi problemi non si ripresentino in futuro.

-       Considera di mettere in ballo alcuni attributi positivi del tuo store per sottolineare il suo valore sul marketplace.

La risposta di Amazon potrebbe richiedere fino a 48 ore.

 

3-    La mossa segreta per richiamare la sospensione

Prima di fare tutto ciò, il seller può delineare un piano d’azione formale da inviare via email al Seller Performance.

Questo piano dovrebbe:

-       Essere su carta intestata

-       Menzionare se il seller sta lavorando con un Solution Integrator per l’aggiornamento dell’inventario etc.

-       Identificare il problema che ha causato il blocco

-       Delineare tutti i processi di qualità che il venditore ha attualmente in atto e avrò in atto su Amazon per assicurare una buona user experience

-       Essere positivo e professionale

Nonostante tutto questo possa effettivamente funzionare, non è garantito che lo faccia e non sempre porta al ripristino dell’account.

Alla fine la cosa importante è che ogni seller si impegni ad aderire alle policy di Amazon.

 

Hai dei dubbi e vorresti approfondire? Contattaci quando lo desideri per ottenere una consulenza gratuita.

Comment