Amazon offre opportunità di business per tutti i tipi di brand, grandi e piccoli. Ma spesso questi brand sentono di aver bisogno dei benefici di entrambe le piattaforme, sia Vendor sia Seller. In questi casi, quanto può essere profittevole utilizzarle entrambe? E come fanno i brand a tenere in piedi questo tipo di compromesso?

Se il tuo brand ha già un account Amazon Vendor, e stai pensando di fare il passaggio a Seller, o magari stai considerando soluzioni ibride, abbiamo alcune raccomandazioni da farti per rendere la transizione più semplice possibile.

photo5996900743795289063.jpg

Clicca qui per maggiori approfondimenti sulle differenze tra Seller Central e Vendor Central

Perché usare un modello ibrido?

Essere un Vendor su Amazon può portarti davvero molti profitti, specialmente se il tuo brand ha un catalogo consistente che ti permette di mantenere l’attività viva e fiorente. Ma cosa succederebbe se decidessi di testare sul mercato un nuovo prodotto, senza doverne produrne una grossa quantità? È qui che entra in gioco la congiunzione tra il tuo account Vendor e i benefici del Seller Central.

Ormai l’industria prende piede sul mercato sempre più velocemente. I brand creano e testano prodotti ancora prima di iniziare a produrne grosse quantità. Una volta servivano mesi per portare un nuovo prodotto sul mercato: oggi puoi farlo in poche settimane.

La piattaforma Seller Central rende tutto questo ancora più semplice: se un brand vuole testare una variante di un prodotto già esistente, o magari qualcosa di totalmente nuovo, può metterlo a catalogo su Amazon con discreta facilità, così da testare il mercato e fare le dovute modifiche. Se il prodotto inizia a funzionare bene, il brand avrà tutti i motivi per passarlo definitivamente su Vendor Central.

photo5997011970563353610.jpg

Gli ostacoli del passaggio da Vendor Central a Seller Central

Purtroppo, come si può immaginare, la transizione da Vendor Central a Seller Central può non andare totalmente liscia come l’olio. Seller Central infatti richiede molto più sforzo da parte del brand, dal pricing, alla spedizione, al customer service, così come la pubblicità; il brand ha molto più controllo su tutti questi elementi. Ciò significa anche che un brand abituato a lasciare tutto in mano ad Amazon potrebbe avere non poche difficoltà iniziali.

Un altro problema che riguarda il passaggio è che la buy box molto probabilmente rimarrà nelle mani di Amazon. Questo può causare un rallentamento delle vendite finché Amazon non esaurirà le scorte di prodotti: i Seller possono ovviare a questo problema aderendo al programma Fulfilled by Amazon (FBA).

Se vuoi che i clienti riconoscano che il prodotto catalogato in SC (Seller Central) è lo stesso prodotto venduto direttamente da Amazon, potresti voler tenere lo stesso UPC/ASIN/Sku; ma puoi anche dare visibilità al tuo catalogo creando pacchetti di prodotti che ricevano nuovi ASIN, differenziandoti dagli altri seller. Puoi anche rendere competitivo il tuo catalogo SC offrendo un prezzo strategico rispetto all’offerta di Amazon.

Ora che stai gestendo il pricing dei tuoi prodotti, devi considerare alcune cose: quante units stai spostando? Sei in grado di tenere i prodotti in stock? Qual è il prezzo della buy box?

Il pricing è un elemento fondamentale del tuo business, deve essere gestito correttamente. Puoi farlo manualmente su base giornaliera o settimanale. L’obiettivo è mantenere un margine sano ma anche vincere la buy box.

 

Hai qualche dubbio e vorresti approfondire? Contattaci quando lo desideri per ottenere una consulenza gratuita.

Comment