Amazon Marketing Services è un portale che offre a tutti i venditori Amazon la possibilità di creare degli annunci sponsorizzati ad hoc, creati per raggiungere rapidamente il maggior numero di compratori.

Tra gli accorgimenti da adottare nell’utilizzo di questo strumento, troviamo anche una serie di errori che sarebbe meglio evitare, soprattutto quando non si è pratici del suo utilizzo.

Ecco le 7 cose da NON fare su Amazon Marketing Services:

1) NON avviare una campagna per poi dimenticarti di seguirla

Amazon mette a disposizione strumenti di reportistica molto dettagliati. Dopo aver avviato una campagna, è importante analizzarne la performance per aggiustare le parole chiave meno efficaci ed inserirne di nuove. Ricordati anche di aggiornare di tanto in tanto il budget investito sul cost per click dei tuoi annunci. Se non lo aumenterai, le tue pubblicità non verranno più visualizzate, lasciando spazio a quelle dei tuoi competitor.

2) NON affidarti unicamente al targeting automatico di Amazon

È giusto affidarsi inizialmente agli algoritmi di Amazon per farsi consigliare le migliori parole chiave per i propri annunci. Ma in media il costo per click per questo tipo di inserzioni è più alto. Dunque, dopo circa un mese di utilizzo del targeting automatico, sarebbe bene “svezzarsi” e iniziare ad inserire manualmente le proprie parole chiave, utilizzando quelle che hanno funzionato meglio in precedenza.

7 errori 1.png

3) NON ignorare il Customer Search Term report

Questo strumento ti permette di scoprire le parole chiavi più cercate dai clienti in modo da poter affinare le tue. Altri dati fondamentali che questo report ti offre sono: volume di impressions, ricerche di brand e ricerche senza brand, vendite, costo per click, click ottenuti.

4) NON dimenticarti di difendere la tua product page da altri inserzionisti

Una buona strategia è inserire sulle pagine dei tuoi prodotti gli annunci dei tuoi stessi prodotti, in modo da salvare quello spazio ed evitare che altri brand lo utilizzino al posto tuo.

7 errori 2.png

5) NON smettere di sponsorizzare i tuoi prodotti durante l’anno

Le campagne non-stop ti permettono di targettizzare i tuoi compratori con annunci contestualizzati. Non limitarti a lanciarli nei momenti dell’anno in cui credi siano più rilevanti. Capire quali prodotti funzionano bene stagione dopo stagione e applicare questa conoscenza anche ad altri prodotti è il modo migliore per avviare campagne di successo per promozioni inaspettate.

6) NON usare parole chiave troppo generiche

Potresti pensare che se utilizzi parole chiave più generiche avrai più chance di far trovare il tuo prodotto. In realtà dovresti fare il ragionamento opposto. Per esempio “croccantini biologici alle erbe per gatti” darà risultati molto migliori del più generico “croccantini per gatti”.

7) NON categorizzare i tuoi prodotti in modo sbagliato

Non lasciarti ingannare dal fatto che le categorie meno competitive danno al tuo prodotto un ranking più alto nella pagina di risultati. Questo non fa che inficiare la rilevanza dei tuoi annunci rispetto alla categoria in cui li hai inseriti: anche se un cliente visualizzerà più facilmente i tuoi prodotti, non ti porterà alcun click perché molto probabilmente non era quello che stava cercando.

Con questi accorgimenti riuscirai ad avviare delle campagne più efficaci senza rischiare di perdere denaro inutilmente.

Leggi anche i suggerimenti per una campagna di successo e un approfondimento su Amazon Marketing Services.

Per iniziare la tua prima campagna, apri il portale AMS e segui gli step. Oppure contattami per una consulenza gratuita.

Buona fortuna!

Comment